VirtualBox, installazione su Mac Osx Mojave

VirtualBoxVi sarà capitato di notare che dopo l’installazione del nuovo Osx Mojave VirtualBox e Bluestacks (Bluestacks ci permette di usare Android su MacOsx,  non è altro che VirtualBox con un’immagine Android preinstallata) non sono più in grado di avviarsi. Al lancio dell’applicazione questa si chiude inaspettatamente.

Dopo varie indagini ho scoperto la causa del comportamento di queste applicazioni, con l’ultima versione di MacOs, Apple ha incrementato le misure di sicurezza del sistema SIP (System Integrity Protection), adesso è impedita anche l’installazione di estensioni del kernel non firmate, componenti essenziali per il funzionamento di VirtualBox.

Disabilitare il SIP non è consigliabile, ma se avete bisogno di usare VirtualBox non si può fare altro.

Disabilitare il controllo delle estensioni del Kernel

Possiamo disabilitare il controllo sulle installazioni delle estensioni del kernel non firmate utilizzando l’utility a riga di comando csrutil. Per usare quest’ultima utility bisogna entrare nella modalità ripristino. Riavviamo il Mac tenendo premuti contemporaneamente i tasti Command + R.

Nella modalità ripristino, dalla barra dei menù avviamo l’utility terminale e digitiamo il comando

csrutil enable –without kext

Un messaggio vi confermerà la riuscita dell’operazione, digitiamo dunque reboot per riavviare il computer.

Adesso possiamo avviare VirualBox e Bluestacks senza problemi. Inoltre dal terminale digitando csrutil status possiamo vedere le impostazioni del SIP L’alternativa più sicura sarebbe usare Parallels o VMWare, ma se volete risparmiare qualche soldo VirtualBox rimane il top, speriamo che gli sviluppatori risolvano il problema al più presto.

Precedente Piombo, effetti della caccia sulla salute Successivo Netcut, l'alternativa su Osx e Linux