Virtualbox, disavventura con gli snapshot

In questo articolo vi racconto una disavventura avuta con Virtualbox e l’uso di snapshot. Per chi non lo sapesse, gli snapshot permettono di salvare uno stato della vostra macchina virtuale e in caso di problemi di ripristinare la macchina a quello stato preciso. Per chiarire, se dovete aggiornare Windows sulla vostra macchina guest, potete creare uno snapshot prima dell’aggiornamento, aggiornare il sistema, e nel caso ci fossero problemi ripristinare la macchina con un clic all’istante precedente all’aggiornamento. Ovviamente tutto quello che avete modificato successivamente allo snapshot verrà perso.

Virtualbox, snapshot e spazio su disco

Dovete fare attenzione però. Gli snapshot richiedono molte risorse, proporzionali a quelle della macchina. Esempio, se il disco riservato alla guest è di 100Gb, lo snapshot ne occuperà altrettanti. Quindi molteplici snapshot divoreranno il vostro disco in poco tempo. Altra cosa che ho notato è che lo spazio occupato con l’utilizzo anche di un solo snapshot tende a crescere nel tempo. Qui comincia la mia disavventura, tanto da sudare freddo.

Come perdere 1 kg sudando bit

Per lavoro mi occupo di contabilità e per esigenze pratiche ho installato il software gestionale su di una macchina virtuale ospitata su una workstation HP con Intel Xeon, 16gb di Ram, ssd da 512Gb con Linux e un Hd tradizionale da 1TB dove risiede la macchina guest con il software gestionale. Ho adottato questa soluzione perché in caso di guasto posso spostare l’HD con la macchina guest su un altro computer ed avviarla, così da essere immediatamente operativo in caso di problemi, avendo scadenze importanti, un guasto che mi impedisca di lavorare anche per un solo giorno sarebbe una catastrofe.

Fin qui tutto perfetto, tempo addietro avevo aggiornato Win 10 ovviamente facendo preventivamente uno snapshot (ultimamente gli aggiornamenti di windows sono come una roulette russa, qualcosa va sempre storto e Microsoft è costretta a ritirarli 😅). Poi la catastrofe. Giorno di scadenze fiscali, tutto quasi pronto per la trasmissione di pratiche importanti alla Camera di Commercio e boom, tutti i client del gestionale offline. Accedo al server e un bel messaggio recita :”Virtualbox – Sistema guest bloccato per spazio su disco insufficiente”.

Controllo il disco da 1Tb dove risiede la macchina guest, ed effettivamente lo spazio occupato era di circa 950Gb. Com’è possibile, la macchina virtuale windows mostrava uno spazio su disco occupato di soli 300Gb? Ad una attenta analisi la cartella snapshot conteneva due file da oltre 300Gb ciascuno. Tali file non possono essere cancellati, altrimenti la macchina virtuale non parte. Ovviamente disponevo anche di un backup, ma con lo stesso problema. Cosa fare? L’unica soluzione era quella di spostare tutto su di un disco più grande, ovviamente vivendo su di un isola, dove avrei trovato un disco da 2Tb? Il fornitore più vicino si trova a 20 miglia di distanza e l’hd non sarebbe arrivato prima di 24 ore. 😵A quel punto pensavo già al suicidio. Nel prossimo articolo vi racconterò come ne sono uscito.

Continuo della storia

Precedente Homekit e iHaper, un portalampada geniale Successivo Raid su linux, disavventura con gli snapshot seconda parte

Lascia un commento