Surface Pro X, Microsoft sfida Apple

Ieri Microsoft durante il suo keynote ha rinnovato la sua gamma di prodotti Surface. L’azienda di Redmond come al solito non ha perso il vizio di anticipare prodotti con prototipi, infatti fa la sua epifania una vecchia conoscenza, ricordate il Microsoft Courier? Un progetto di tablet dual screen annunciato nel 2008 e mai diventato realtà.

Ebbene da ieri ha un altro nome: “Surface Neo”. Dalle dichiarazioni fatte al Keynote pare verrà commercializzato a dicembre 2020 con Windows X, un rimaneggiamento del OS di Microsoft con adattamento dell’interfaccia per schermo doppio. Con stesse date di commercializzazione anche il modello Duo, ma con schermo di dimensioni minori e udite udite, sistema operativo Android. Si, avete capito bene, Android, pesantemente personalizzato pare che sarà presente anche il PlayStore. Con quest’alleanza con Google la casa di Redmond cerca di rientrare nel mercato smartphone, con uno smartphone che difficilmente entrerà in tasca viste le dimensioni, ma bisognerà provarlo per giudicare.

Per quanto riguarda i Surface Laptop ci sono ottime novità tra cui la possibilità di scegliere anche CPU AMD e finalmente l’introduzione della porta USB-C. Il Pro 7 riceve invece riceve un refresh hardware con nuove CPU e aggiunta della porta USB-C. Come al solito la copia delle porcate della casa della mela non poteva mancare, ovvero taglio di partenza disco da 64 GB per il Surface Go, l’entry level, con addirittura 4 Gb di Ram. Ovviamente tutta la gamma sarà disponibile dal 20 ottobre. Non si tratta di prototipi ma di prodotti reali.

La vera bomba è l’introduzione del Surface Pro X. Sulla carta sembra incredibile. Si tratta di un 2 in 1 con processore ARM custom che sfida direttamente iPAD Pro di Apple, sia come prezzo che come specifiche. Resta da vedere le prestazioni. Il sistema operativo sarà Windows 10 con tutte le limitazioni del caso. Ci girerà solo software emulato win32 (nell’era dei 64bit, dove finisce la logica inizia Microsoft).

Interessante la durata della batteria dichiarata di 13 ore e il supporto alla ricarica rapida. Il pro X è già ordinabile, quindi avremo recensioni a breve. Vedremo cosa risponderà Apple il 4 ottobre.

Precedente Open Food Facts, il database libero degli alimenti Successivo Syncwire, la migliore protezione per lo schermo dell'iPhone

Lascia un commento