Perché mari e oceani non diventano sempre più salati?

mari

L’acqua di mare, il perché sia salata lo sanno tutti. I fiumi nel loro corso trasportano i minerali fino al mare che combinandosi tra ioni formano i sali. Considerata la quantità sesquipedalica di minerali trasportati, concentrandosi nei mari e negli oceani li rendono salati. Ma la domanda sorge spontanea, da miliardi di anni i fiumi riversano minerali in mare e visto che l’acqua evapora lasciandosi dietro il sale, perché oggi gli oceani e i mari non sono una salamoia?
La risposta è data dai camini idrotermali e fenditure sottomarine che trasportano acqua priva di sale che viene da sotto la crosta. L’acqua salata, attraverso le dorsali, fenditure sottomarine e nelle zone di subduzione della crosta terrestre, penetra nella roccia fino al punto in cui il calore non la fa risalire fino ad uscire dai camini idrotermali e simili. In questo processo si lascia dietro i sali e ritorna negli oceani e mari praticamente demineralizzata diluendo la concentrazione di minerali.
Il mistero ha fatto scervellare gli scienziati per secoli, solo con lo studio relativamente recente dei fondali marini è stato possibile risolverlo.

Altre curiosità le trovate del genere le trovate nel libro “Breve storia di (quasi) tutto”.

Precedente Zsh, la shell del prossimo Mac Os Catalina Successivo I 5 migliori editor di testo per sviluppatori per Mac Osx