Crea sito

PayWall, trucchi per aggirarli facilmente

Paywall

Sicuramente vi sarete imbattuti in un paywall. Sono dell’avviso che sia giusto pagare le informazioni, ma se già si monetizza con le pubblicità, perché far pagare un obolo per poter leggere un articolo una tantum?

Apprezzo molto il Post, credo sia una delle migliori testate online, gratuito e se si apprezza il servizio offerto ci si può abbonare usufruendo di servizi aggiuntivi oltre l’informazione.

Purtroppo invece, molte testate, non solo nostrane, pongono, nella stragrande maggioranza dei casi, limiti alla lettura degli articoli, a meno di non pagare un abbonamento. I paywall, sono però implementati malissimo e con qualche trucco li si aggira facile.

Metodo modalità lettura

Il primo espediente che potete provare per poter leggere un articolo protetto da paywall è la modalità lettura, presente ormai su tutti i browser, anche quelli sui dispositivi mobile. In Safari, ad esempio la si può attivare con un tap su aA all’inizio della barra degli indirizzi. Di solito funziona.

La navigazione privata

Un secondo metodo che si può provare è la modalità incognito, presente sempre su tutti i browser moderni. Questo trucco funziona quando la protezione si basa sui cookies. Ci sono portali che consentono di poter leggere un numero limitato di articoli, dopodiché viene richiesto l’abbonamento. Ebbene, questo controllo si basa proprio sui cookies.

Ispezionare il codice

Il terzo metodo consiste nel ispezionare il codice html. In Safari, tasto destro su dove finisce l’anteprima e dell’articolo, selezionare ispeziona elemento e nel codice cercare la voce hidden, basta cancellarla e il vostro articolo apparirà magicamente per intero.

Usare l’app comandi

C’è un automatismo che trovate su routinehub.co che vi permette di scavalcare i paywall. Funziona solo sui dispositivi iOS, ma è di una semplicità assurda. Vi apparirà una voce di menù nella scheda condividi di safari, vi basta un tap.

Buona lettura