Markdown, breve guida alla sintassi

markdown

Markdown, ne avrete sicuramente sentito parlare, si tratta di un linguaggio di markup come l’html con una sintassi semplificata. Uno dei punti di forza è la conversione in html, personalmente lo utilizzo per scrivere gli articoli qui su tuttologico, a riga di comando con l’editor nano. Potete usare qualsiasi editor di testo per scrivere in, anche il semplice textedit. Ci sono anche editor dedicati con anteprima in tempo reale. Nella sintassi di base ufficiale sono supporti i titoli, elenchi e poche altre cose, per le tabelle serve un estensione che bisogna indicare quando si compila. L’estensione dei file markdown di solito è .md o .markdown.

Sintassi essenziale markdown

titoli

# Titolo H1
## Titolo H2
### Titolo H3

linee orizzontali

___
---
***

Enfasi

**Grassetto**
__Grassetto__
*Corsivo*
_Corsivo_
~~Barrato~~

Citazioni

> Citazione
>> Citazione nidificata
> > > Citazione

Liste

+ Si può creare una lista anche con '-' o '*'
 - L'aggiunta di spazio o il cambio di simbolo crea una sottolista

1. Con i numeri 
2. si creano
3. liste ordinate

Codice

``` grep -i ```

Links e immagini

[testo](http://link.com "titolo")
![immagine](http://indirizzoImmagine.jpeg "Titolo)

Tabelle

Le tabelle sono supportate solo con estensioni

 | intest | intestazione 2 | 
 | ------ | -------------- |
 |   data |    data        | 

Per la conversione in html si può utilizzare l’omonimo tool su https://daringfireball.net/projects/markdown/, io preferisco markdown_py. Per l’utilizzo delle tabelle occorre richiamare l’estensione appropriata

markdown_py -x markdown.extensions.tables 
Precedente DNS https, testare il nuovo protocollo con Google Chrome Successivo Adware in Safari, come rimuoverlo