Limitazione all’utilizzo dei contanti, pro e contro

contanti

Con la manovra finanziaria per il 2020 il Governo ha intenzione di abbassare la soglia per l’utilizzo dei contanti dagli attuali 3000 euro a 1000. L’importo non è ancora definitivo ma la direzione è quella. La soglia dei 1000 euro fu già introdotta con il Governo Monti ma fu aumentata agli attuali 3000 dal successivo Governo Renzi. Con l’introduzione del nuovo limite ci allineeremo ai paesi più occidentali della Comunità Europea come la Francia. Limiti meno stringenti sono per lo più adottati dai paesi più a est come Polonia, Slovacchia, ecc. Approfondimento su www.agi.it

I nostri politici contrari al provvedimento tirano in ballo scuse assurde del tipo “Come farà un papà a regalare 1000 euro ad un figlio?“, o “pensate agli anziani“. Affermazioni molto opinabili, un papà che regala 1000 euro ad un figlio? Li va a prelevare sti soldi!, mah. Per gli anziani invece, quando vogliono sono molto diciamo molto “smart”. Ho visto novantenni fare spese con la famosa carta acquisti introdotta da Tremonti. Noi italiani non siamo tutti evasori, ma una buona parte si. Purtroppo è la triste verità.

I vantaggi dell’abolizione dei contanti

  • Emersione del lavoro nero
  • Riduzione di prestazioni o vendite rese senza emissione di scontrini o ricevute
  • Più soldi nelle casse dello Stato con cui scongiurare l’aumento dell’IVA 😅o da investire in servizi
  • Vita dura per tutti gli affari sporchi come spaccio, prostituzione, estorsioni
  • Evitare la fuga di denaro verso altri paesi senza lasciare traccia

Mi direte che non ci sarebbe più privacy, cosa che mi lascia molto perplesso visto che ogni giorno regaliamo dati a Google, Facebook e compagnia senza preoccuparcene.

Adesso via con il linciaggio.

PS: si era parlato di tassa sui prelievi, fosse per me io la tassa la metterei sui versamenti. Siamo un popolo di furbastri, c’è poco da fare.

Precedente iBook G4, il mio primo computer Apple Successivo MacBook pro, nel 2010 arriva Intel

Lascia un commento