Crea sito

Lavoro, un grosso problema italiano

lavoro
POPOLAZIONE RESIDENTE – III trimestre 2019
Fonte Istat

Il lavoro diventerà sempre più un problema in futuro, con il progresso tecnologico le macchine sostituiranno l’uomo in molti campi. Interessante è la conclusione a cui si giunge nel libro La rovina delle nazioni nel quale si attribuisce la caduta dell’Impero Romano al fatto che il popolo di lavoratori era inferiore ai non lavoratori. In pratica il lavoro di pochi doveva sostenere la gran parte della popolazione.

Sicuramente non fu solo quella la causa della decadenza dei romani, ma la cosa deve far riflettere. Così oggi mi sono preso la briga di analizzare alcuni dati diffusi dall’ISTAT relativi al lavoro in Italia. Ho riassunto i dati nel grafico che vedete sopra. La conclusione interessante è che il popolo che lavora, sia come dipendente che autonomo non copre tutta la fetta di disoccupati e inattivi. Detto in parole povere ogni italiano lavoratore ne deve mantenere in media 2.

In questa classifica in Europa siamo secondi solo alla Grecia, ogni lavoratore greco deve mantenere 3 suoi concittadini.

Nonostante ciò spendiamo in pensioni una marea di soldi, anche in questo caso secondi solo alla Grecia.

Molti hanno attaccato la Fornero sulla sua riforma delle pensioni, ma non so per quanto tempo la situazione attuale sia sostenibile, inoltre il covid-19 sta contribuendo non poco a complicare la situazione.