Con l’aggiornamento a Mac Os Catalina Macports si incasina

macports

Non tutti sanno cos’è il progetto Macports, gli utenti più nerd invece credo proprio di si. Si tratta di un gestore di pacchetti alla stregua di homebrew. La differenza sta nel fatto che il primo richiede la compilazione dei pacchetti mentre homebrew permette di installare direttamente i binari con notevole risparmio di tempo. Perché allora usare macports? Perché il codice compilato direttamente sulla macchina risulterà più efficiente, di contro con l’aggiornamento del sistema operativo bisogna ricompilare.

Utilizzo homebrew il più delle volte, ma capita che alcuni tools sono disponibili solo su macports. L’ultima versione binaria distribuita non supporta MacOs Catalina, per poter continuare ad utilizzare il comando port bisogna compilare da sorgente.

Installare Macpors su Mac osx 10.5

Il primo passo è installare l’ultima versione di Xcode dal Mac App Store e poi aprirlo accettando il contratto di licenza e attendere l’installazione dei componenti aggiuntivi, fatto ciò chiudiamo Xcode.

Poi nel terminale inseriamo i comandi di seguito

sudo xcode-select --install
sudo xcode-select -s /Applications/Xcode.app/Contents/Developer
sudo xcodebuild -license

Premiamo spazio fino a quando non ci verrà chiesto di accettare la licenza, quindi scriviamo agree e poi invio.

Ora per compilare i sorgenti del nostro gestore pacchetti “port” inseriamo altri comandi riportati sotto

cd ~/Desktop
curl -O https://distfiles.macports.org/MacPorts/MacPorts-2.6.1.tar.gz
tar -xzvf MacPorts-2.6.1.tar.gz
cd MacPorts-2.6.1
./configure
make
sudo make install
echo "export PATH=/opt/local/bin:\$PATH" >> ~/.zshrc
source ~/.zshrc
sudo port -v selfupdate

Se andato tutto bene potete usare il comando port

Precedente Podcast iOS 13, aggiungere trasmissioni non presenti sullo store Successivo ID Apple, notifica continua di aggiornamento su Osx Catalina