Crea sito

Batterie infinite in un futuro non molto lontano, (un falso)

Aggiornamento, tutto ciò citato nell’articolo non corrisponde a verità, almeno non tutto. Guardate il video sotto per capire.

batterie

Ricaricare la batteria dello smartphone o di qualsiasi altro dispositivo portatile potrebbe non essere più motivo di ansia da qui a cinque anni. Alcuni ricercatori hanno trovato il modo di riciclare i rifiuti radioattivi delle centrali nucleari trasformandoli in batterie. NDB sono degli accumulatori composti da nano-diamanti. Il funzionamento di per se è semplice.

I rifiuti delle centrali nucleari sono per lo più composti da grafite che serve per tenere a bada il reattore. La grafite non è nient’altro che carbonio, stesso elemento di cui sono composti i diamanti. La differenza sostanziale sta nel modo in cui sono organizzati i singoli atomi, nei diamanti infatti questi sono organizzati in modo regolare, tecnicamente il diamante è un cristallo di carbonio. Potete pensare alla grafite come l’acqua e al diamante come al ghiaccio.

La grafite di per se non è radioattiva, ma utilizzata in un reattore nucleare a stretto contatto con materiale radioattivo come l’uranio, lo diventa. Con un trattamento, immagino utilizzando alte pressioni, questo rifiuto radioattivo viene trasformato in diamanti. Partendo da grafite radioattiva si ottiene un diamante che produce elettroni, intrappolando le radiazioni.

Una batteria a nano-diamanti emette meno radiazioni di un corpo umano (ebbene si, anche gli umani emettono radiazioni) e offre molteplici vantaggi, uno su tutti l’emissione di energia. Una batteria di questo tipo della grandezza paragonabile a quelle utilizzate ad esempio in una macchina può durare fino a 90 anni senza bisogno di ricarica, dopodiché potrebbe essere riciclata per alimentare sensori a bassa energia, esempio banale, un orologio, qui la durata si allungherebbe fino a circa 28.000 anni. Altro vantaggio è la resistenza, non esiste nulla di più duro del diamante.

Ci pensate? Potete dimenticarvi di ricaricare lo smartphone, forse è per questo che Apple ha deciso di non includere l’alimentatore nel prossimo iPhone 12, almeno stando agli ultimi rumors.